ISOLAMENTO

23 maggio 2008
Da oltre due mesi Vincenzo Sisi, compagno operaio, delegato riconosciuto nel suo posto di lavoro, arrestato il 12 febbraio 2007, nell’ambito dell’operazione “Tramonto”, che ha portato in carcere 17 persone con l’accusa di associazione sovversiva e banda armata con finalità di eversione dell’ordine democratico, si trova in isolamento nel carcere di Ferrara. Da un’esposto dell’avvocato difensore:
“Il signor Sisi, infatti, è stato inserito, nella sezione c.d. “nuovi giunti”, nella parte in cui si trovano le celle per l’esecuzione della sanzione della esclusione dalle attività in comune e le celle in cui sono ristretti i detenuti isolati perchè imputati o condannati per reati giudicati infamanti dalla collettività carceraria (abusi e violenze contro minori, ecc.). Egli è qui collocato in una cella singola, chiusa 24 ore su 24 e, quando riesce a camminare (è gravemente sofferente alla schiena e all’anca), effettua l’aria da solo. In occasione di qualunque spostamento interno al carcere è seguito da un ispettore della polizia penitenziaria. Si tratta, dunque, di una situazione di pesante isolamento.”
Questa è una situazione di totale arbitrio e di tortura, poichè l’isolamento è da considerare a tutti gli effetti tale e viola le stesse leggi dei carcerieri anche perchè la Corte d’Assise di Milano ha già emesso un dispositivo che richiede l’avvicinamento a Milano degli imputati rinchiusi fuori regione.

Contro tutto ciò è iniziato dal 21 maggio 2008 uno sciopero della fame da parte di Vincenzo e dei coimputati detenuti. Come parenti e amici degli arrestati denunciamo questo ennesimo sopruso ai danni dei compagni prigionieri che si aggiunge alle vessazioni continue sia contro di loro che nei confronti dei sei imputati agli arresti domiciliari a cui è vietato comunicare, anche per lettera, con chiunque. L’isolamento viene usato per distruggere l’identità politica e personale dei nostri familiari che invece resistono con forza alla repressione che li ha colpiti.
Sosteniamo la loro resistenza e quella di tutti i prigionieri in isolamento e in regime di Elevato Indice di Vigilanza (EIV)! Difendiamo la loro identità ! Difendiamo la lotta di classe !

I commenti sono chiusi.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: