Comunicato 6 Ottobre dei compagni prigionieri

Con l’udienza di oggi riprende il processo che ci vede imputati in un tribunale dello Stato borghese, strumento di dominio e oppressione di classe.
Vogliamo affermare la natura politica di questo processo, resa evidente dal trattamento carcerario cui siamo sottoposti. Dopo svariate peregrinazioni tra Palermo, Napoli, Caserta, ecc. ci siamo ritrovati quasi tutti radunati per la pausa estiva a Catanzaro, a “soli” 1.300 km sia dai nostri parenti, sia dalla sede processuale e dagli avvocati. Ovviamente ciò fa parte di ben note strategie per ottenere resa e collaborazione, ed anche dello spirito fascistoide di certe autorità dello “Stato democratico”.
Il giorno 3 ottobre, dunque, siamo partiti in sette dal carcere si Siano (CZ) per un tour di due giorni, approdando infine nei dintorni di Milano.
Nel percorso, ci tocca una sosta notturna presso il carcere di Roma-Rebibbia, usato spesso come vetrina delle buone intenzioni del Ministero di Grazia e Giustizia, anche fucina dei processi dissociativi.
Qui veniamo sottoposti a modalità di perquisizione evidentemente degradanti, con flessioni, nudi, a fronte di una o più guardie, senza alcun fine che l’umiliazione personale. In quanto tali, peraltro, queste modalità non sono a norma di legge; ma queste, quando ci sono, sono sottoposte all’arbitrio.
Al rifiuto di ciò, segue immediatamente un’escalation aggressiva. Uno di noi viene portato a viva forza, praticamente nudo, attraverso i corridoi, in un a cella di isolamento.
Gli altri, protestando per il ritorno del loro compagno, vengono portati più tardi ai transiti scortati da uno squadrone di guardie.
Il giorno successivo la partenza avviene tra due ali di agenti lungo i corridoi, percossi ed insultati, alla presenza del comandante e di vari ispettori. trattamento riservato in particolare a due compagni.
Niente dei nuovo sotto il sole, si dirà, essendo pratiche costantemente presenti sotto il velo democratico e che rivelano invece il rapporto sociale di dominio ed oppressione.
Anzi, sintomo, tra gli altri, dell’attuale militarizzazione sociale, di una repressione che colpisce vari strati di popolazione, tra cui appunto quella carceraria.
La nostra presenza in quest’aula, d’altronde, si motiva nella continuazione di questa battaglia politica di classe; e pure internazionalista, come ampiamente dimostrato dalla presente solidarietà.
Non siamo certo qui a sottoporci passivamente ai riti di una legge che resta espressione dell’oppressione di classe. Così non staremo qui ad assistere sempre alla sfilata di tutti i personaggi assoldati dallo Stato: poliziotti, pentiti e collaboratori.
Siamo qui per affermare la nostra identità comunista, la nostra appartenenza alla classe operaia, la legittimità della lotta rivoluzionaria.
Oggi, quando sarà finita questa giornata, una ventina di operai e operaie saranno morti, uccisi dalle cause dirette della violenza dello sfruttamento (incidenti, malattie mortali, intossicazioni).
Ogni giorno vediamo crescere la ricchezza della grande borghesia, così come la miseria del proletariato. In questo nesso è sempre più evidente la natura criminale di questo modello di società. Il processo di imbarbarimento è causato dallo sfruttamento fra i gruppi e Stati imperialisti, che portano alla guerra, all’oppressione dei popoli, al saccheggio dei paesi fino all’esaurimento delle risorse naturali.
L’attuale crisi finanziaria, oltre a sprofondare interi continenti nel caos e nella miseria, dimostra la fragilità del sistema, l’impossibilità di trovare soluzioni e di riformarsi.

Per tutte queste ragioni, ribadiamo la prospettiva della lotta rivoluzionaria di classe, come unica strada per il proletariato ed i popoli oppressi ai fini della trasformazione e liberazione sociali.

I compagni detenuti del processo PCP-M
Milano, 6 ottobre 2008

Firmato da tutti i detenuti nelle gabbie

I commenti sono chiusi.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: